Parapendio

Il parapendio in Croazia

Diventate “figli del vento”

Essere liberi come uccelli, entrare in confidenza con le correnti d’aria e cavalcare sulle nuvole sono desideri e sogni vecchi come l’uomo. L’uomo è attratto delle altezze siderali, l’uomo vuole volare. Con aeroplani, palloni aerostatici, deltaplani… Quando ha capito che è possibile mettere insieme il paracadute e la vela, ha inventato il parapendio!

 

Questo sport relativamente giovane ha trovato la sua partner ideale nella Croazia, una partner per tutta la vita. Gli spettacolari paesaggi attorno al Biokovo e i panorami che abbracciano le isole di Brač (Brazza) e Hvar (Lèsina) o l'Erzegovina; le piste di lancio del Kalnik, che rappresentano una sfida improba anche per i più esperti; la sempre allegra Tribunj, dove anche l'assoluto principiante si sentirà sicuro; Raspadalica, in Istria, dove potrete sfiorare le cime dell’Učka (Monte Maggiore)… Tutte destinazioni impresse nella memoria d’ogni appassionato di parapendio.

 

Per diventare figlio del vento in Croazia basta indossare un paio di leggere scarpe da trekking, capi sportivi, un paio d’occhiali da sole, spalmarsi un po’ di crema solare e armarsi di tanta buona volontà. Come nel caso dei lanci col paracadute, anche nel caso del parapendio i primi voli li farete in tandem con il vostro istruttore. Per vivere una giornata da sogno, basta seguire una procedura molto semplice.

 

Innanzitutto il volo s’inizia a preparare qualche giorno prima, informandosi sulle condizioni meteo. Poi, arrivati sul luogo del lancio, il sogno che avete sempre sognato è lì a portata di mano. Comodamente seduti su un seggiolino con pilota, basta prendere una breve rincorsa per trovarsi già sospesi per aria, liberi d’ogni peso e pensiero come gli uccelli. Se il pilota vi riterrà in grado, vi cederà il comando del velivolo affinché possiate provare la sensazione di pilotare in completa autonomia. Vorrete che quell’ora non passasse mai. In Croazia vivrete sensazioni che resteranno per sempre tra i vostri ricordi più cari.